Prestiti più convenienti: quali condizioni richiedono le banche

Indice dei contenuti

Siete alla ricerca dei prestiti più convenienti e volete sapere quali condizioni richiedono le banche per erogarli?

Ottenere un prestito conveniente non è semplice, perché è necessario che possediate dei requisiti ben precisi. In assenza di questi, sarà quasi impossibile ottenerli, a meno che non presentiate delle ottime garanzie alternative.

All’interno di questa guida troverete tutte le informazioni necessarie per capire se avete i requisiti per ottenere un prestito conveniente e quali sono le condizioni richieste dalle banche.

I prestiti convenienti

Cominciamo col capire cosa si intende per prestito conveniente, prima di andare ad approfondire quali sono le condizioni richieste dalle banche.

Un prestito si può definire conveniente quando ha un alto potere di acquisto, ovvero quando non è gravato da spese accessorie e interessi talmente alti da aumentare il suo costo.

Per comprendere la convenienza di un prestito, si fa riferimento a due indici in particolare: il TAN (Tasso Annuo Nominale) e il TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale).

Il TAN è il tasso di interesse utilizzato dagli istituti di credito per determinare l’importo delle rate mensili che andrete a pagare nel piano di rimborso del debito. Più alto sarà il TAN e meno conveniente sarà il prestito.

Ne va di conseguenza che, nella scelta del prestito più conveniente, è necessario valutare il TAN più basso. A questo valore, deve essere aggiunto il calcolo delle spese accessorie, in modo poi da poter fare un confronto tra diverse offerte di prestiti e alla fine scegliere quello più conveniente.

Le spese accessorie, però, non sono incluse nel TAN bensì nel TAEG, per cui è necessario controllare anche questo valore.

Per spese accessorie si intendono tutte quelle che sono legate alla gestione del prestito, ovvero quelle istruttorie, di incasso e gestione rata, di chiusura della pratica, imposte di bollo e tutti i costi relativi alle comunicazioni periodiche e a eventuali polizze stipulate.

Per calcolare la rata di un prestito, quindi, dovrete considerare attentamente il TAN e le spese accessorie. In particolare, osservate il TAEG, che somma il TAN e le spese accessorie e vi mostra il costo reale del prestito in valore percentuale, in modo che possiate valutare immediatamente la convenienza o meno di un prestito.

Chi può richiedere un prestito conveniente

I prestiti convenienti sono il sogno di tutti coloro che hanno bisogno di liquidità, ma purtroppo non possono essere richiesti da tutti.

Per ottenere un finanziamento che vi permetta di far fronte a spese impreviste o importanti, senza andare a pagare troppi interessi, è necessario che siate in grado di assicurare all’istituto di credito il rimborso costante e puntuale del debito.

Questo è possibile solo se avete una buona situazione lavorativa e reddituale. Se possedete una busta paga da lavoro dipendente a tempo indeterminato, non avete altri finanziamenti in corso e potete dimostrare un’ottima posizione creditizia (ovvero non risultate cattivi pagatori), ottenere un prestito conveniente sarà per voi molto più facile.

Gli enti finanziari, infatti, prima di concedere un prestito, valutano attentamente la posizione reddituale e creditizia di un soggetto. Meno quest’ultimo è considerato “affidabile” e più si abbasserà la possibilità di ottenere un prestito conveniente.

In questi casi, infatti, i creditori applicheranno maggiori interessi, e quindi il costo del finanziamento aumenterà, perché gli interessi rappresentano una forma di tutela dall’alto rischio di insolvenza. Non solo: se non possedete una busta paga o il vostro reddito non è considerato sufficiente, in assenza di garanzie alternative, come una fideiussione o un pegno sui titoli, sarà quasi impossibile che un creditore vi conceda un prestito.

Quali condizioni richiedono le banche

Stando a quanto detto nel paragrafo precedente, è chiaro che le banche richiedono determinate condizioni per erogare un prestito conveniente, ovvero:

  • Percepire una busta paga o un reddito derivante da pensione
  • Non risultare cattivi pagatori, quindi non essere presenti nelle liste Crif (Centrale dei Rischi Finanziari)
  • Avere un’età compresa tra i 18 e i 65 anni (il limite massimo è indicativo, dipende molto dalle scelte dei singoli enti finanziari)
  • Presentare delle garanzie alternative e forti, in assenza di uno o più requisiti precedenti (garante del prestito, pegno su titoli, ipoteca su un immobile…)

Quali somme è possibile ottenere

Con un prestito personale conveniente è possibile ottenere somme che generalmente non superano i 60.000 euro. TAN e TAEG, per queste tipologie di prestiti, si aggirano attorno al 4-8 per cento.

Se avete necessità di importi più alti, allora sarebbe opportuno che riflettiate sulla richiesta di un mutuo. Prima di tutto perché nel caso di un mutuo gli interessi oggigiorno non superano generalmente l’1% e poi perché i piani di rimborso sono molto più lunghi rispetto a quelli di qualsiasi altra tipologia di prestito conveniente.

Per un prestito personale, generalmente i piani di ammortamento non superano i 10 anni, mentre un mutuo può essere anche a 30 o a 40 anni.

Conclusioni

I prestiti convenienti sono molto allettanti per tutti, ma purtroppo non sono rivolti a tutte le categorie di soggetti.

Prima di richiedere un preventivo a una banca, considerate bene la vostra situazione lavorativa e reddituale, oltre alla vostra posizione creditizia. Se ritenete che, in base a quanto è stato detto in questa guida, non potete soddisfare le condizioni che richiedono le banche, allora dovrete optare per un’altra tipologia di finanziamento.

Il costo del prestito di sicuro aumenterà, ma potrebbe essere l’unica soluzione per ottenere liquidità e per affrontare delle spese impreviste o importanti.

Per capire quale forma di finanziamento potrebbe fare al caso vostro, potreste utilizzare un comparatore di prestiti online. Si tratta di uno strumento nel quale inserirete alcune informazioni di base, come il reddito che percepite, la somma che volete richiedere e la durata del rimborso.

Il calcolatore vi fornirà una lista di banche e finanziarie, con accanto la rata del prestito che andreste a sostenere, comprensiva di interessi e spese accessorie.

In questo caso, avrete comunque la possibilità di scegliere l’ente finanziario che vi permette di ottenere il finanziamento più conveniente per voi.

A quel punto, non dovrete fare altro che contattare l’istituto di credito, anche direttamente dal suo sito web, e inoltrare la richiesta per un preventivo. Nel giro di qualche ora sarete contattati da un consulente, che vi comunicherà la fattibilità o meno dell’operazione.