Confronto fra prestiti più convenienti: quale scegliere?

Indice dei contenuti

Oggigiorno le offerte, online e non, riguardo specifici finanziamenti o prestiti sono davvero strabilianti. Non solo a livello di numero, ma anche di particolarità. Esistono prestiti di tutti i tipi e, se non si è attenti, si rischia di fare un passo falso e magari incappare in qualche errore di valutazione.

Ma data la grande enorme quantità di scelta secondo quali criteri andrebbe presa la strada più conveniente e giusta? Richiedere un prestito è un’azione semplice e molto spesso immediata, ma scegliere la soluzione migliore può essere molto complicato, non solo perché districarsi tra le varie offerte è difficile, ma anche perché a volte c’è bisogno di conoscere il gergo tecnico e le condizioni che fanno al caso vostro.

Questa guida è quindi stata pensata proprio per gli utenti che vorrebbero richiedere principalmente un prestito personale, ma in linea di massima ci saranno anche diversi spunti per coloro che voglio richiedere altri tipi di prestiti.

La comparazione: un utile strumento

Prima di partire con una reale analisi dettagliata dei prestiti più convenienti, potrebbe essere utile parlare un attimo degli strumenti che potreste avere a disposizione proprio per comparare le varie e singole offerte. Come per ogni cosa, infatti, dagli elettrodomestici ai mobili, esistono dei siti che aiutano gli utenti a comparare due prodotti.

Questo confronto può essere fatto con tutto, e può rivelarsi davvero utilissimo. Se considerate che un prestito è un oggetto da scegliere come un altro, capirete bene che il confronto diventa fondamentale.

Ma dove andare per avere questa comparazione? Le soluzioni sono principalmente due. Da un lato avrete, come vi dicevo, dei siti specializzati che offrono proprio questo servizio (gratuito) e che vi lasciano la possibilità di analizzare i vari prestiti che il mercato vi propone; va detto che questi siti spesso appartengono, magari, a compagnie bancarie, o magari assicurative, e così via. Dall’altro lato, invece, potreste comunque recarvi fisicamente in banca, o in qualche ente ad hoc, per controllare insieme a un dipendente i vari tipi di offerta che ci sono in giro.

Un po’ di questioni generali: garanzie e particolarità

Arriviamo ora a parlare nello specifico dei prestiti, tanto per dimostrare che la scelta non va mai fatta a caso. Saprete bene, intanto, che un prestito consiste in una più o meno imponente erogazione di denaro nei vostri confronti. Ma i prestiti non sono tutti uguali, e andiamo a vedere perché.

La prima cosa da dire riguarda una differenza primaria e fondamentale: esistono prestiti per cui il denaro deve avere un obiettivo ben preciso (l’acquisto di un’automobile, la fondazione di una società, e così via), e poi esistono quei prestiti che non obbligano nessuno a riferire il proprio scopo. Entrambe queste soluzioni sono molto scelte e, per un motivo o per l’altro, sono tutte e due ben convenienti a seconda della necessità.

Una volta fatta questa scelta primaria, in linea di massima, si deve sapere che non è sempre così semplice avere l’ok per un prestito. Anzi, spesso e volentieri ci sono delle condizioni che vi sbarreranno la strada. In generale, intanto, per riuscire ad avere un prestito non potete essere nullatenenti. Insomma, un prestito presuppone che la somma decisa venga solo prestata, e quindi poi restituita. Se voi non potete farlo, per mille motivi, allora non potrete nemmeno avere il prestito.

Questo fatto ne presuppone un altro: non dovete avere per forza delle garanzie materiali, diciamo, o in denaro, ma nel caso degli anziani, ad esempio, la garanzia può fornirla anche una persona altra.

Le cose più importanti: i tassi

Quello che spesso crea una certa confusione riguarda forse un fattore che viene spesso considerato secondario, ma che in realtà non lo è per niente. Di fatto, i tassi d’interesse sono le cose che definiscono nel pratico la qualità di un prestito, e adesso vedremo il perché.

Se pensate che per “tasso d’interesse” si intende tutto ciò che è connesso, in sostanza, alle cose in più da pagare una volta che avete avuto accesso al prestito, capirete bene quanto sia fondamentale scegliere il tasso migliore per le vostre intenzioni (e per le vostre tasche).

Dovete sapere infatti che i tassi d’interesse sono di due tipologie e ognuna ha delle specificità che possono essere più o meno adatte e convenienti. Il Tasso annuo nominale, tanto per fare un esempio, ha a che fare con un calcolo che dovrebbe rendervi consci di quanto interesse avrete su quel determinato prestito, proprio a livello di rate. L’altro tasso invece, il Taeg, ha già al suo interno tutto quello che dovete spendere.

Detta così, sembra che non ci siano tante differenze sostanziali, forse perché senza fare esempi con delle cifre reali non si ha la percezione di quanto cambino i fattori. In verità, tra i due tassi cambia tanto, perché sono le cartine al tornasole di quello che è il prestito stesso.

Qualche consiglio finale

Credo sia chiaro a tutti che i criteri per comparare e valutare i prestiti sono principalmente due: le condizioni e i tassi d’interesse, che sono ancora più decisivi. Per cui, prima di fare qualsiasi scelta affrettata, tenete bene in conto questi fattori.

Vorrei concludere questa guida con qualche altro consiglio generale se state per prendere un prestito. Prima di tutto affidatevi a enti sicuri, o istituti bancari affidabili, tracciabili e soprattutto limpidi nelle scadenze. È importantissimo poter in qualche modo instaurare un rapporto di fiducia con chi vi eroga il prestito.

In secondo luogo, e parliamo di una questione forse più tecnica, ma non meno importante, state sempre all’erta per quel che riguarda le tasse e gli oneri da pagare. Anche qui i tassi d’interesse entrano a gamba tesa, perché un prestito poco conveniente avrà anche degli oneri più esosi. Questo fatto potrebbe mettere in seria difficoltà il vostro pagamento, per cui, prima di sottoscrivere un prestito, siate consci di quello che andate ad accettare.

Chiudo dicendo che in qualche caso viene richiesta la sottoscrizione di una polizza di qualche tipo, magari sulla vita stessa del cliente. Anche qui, attenzione nel fare sempre la scelta giusta secondo le vostre necessità.